titolo

 

torna su

Il melo (Malus domestica) appartiene alla famiglia delle Rosacee. Il centro di origine del melo selvatico malus sieversii, progenitore del melo coltivato malus domestica, dovrebbe essere il Kazakistan.

ll melo è un piccolo albero deciduo (le foglie cadono in autunno) di 3-10 metri di altezza, con una chioma densa ed espansa e apparato radicale superficiale. Le foglie sono alterne e semplici, a lamina ovale, leggermente seghettate, con apice acuto e base arrotondata, di 5-12 centimetri di lunghezza e 3–6 cm di larghezza, glabre superiormente e con una certa tomentosità sulla pagina inferiore. Il picciolo è lungo 2–5 cm.

I fiori sono ermafroditi di colore bianco-rosato esternamente e bianco internamente, hanno una corolla composta da 5 petali e sono larghi 2,5-3,5 cm e ovario infero, cioè sotto la corolla. Sono riuniti in infiorescenze a corimbo, cioè tutte terminano alla sessa altezza, in numero di 3-7. La fioritura si svolge in primavera, simultaneamente al germogliamento. L'impollinazione è entomofila

Il frutto, detto pomo o mela comunemente, si forma per accrescimento del ricettacolo fiorale insieme all'ovario ed è perciò un falso frutto; ha forma globosa, generalmente di 5–9 cm di diametro, prima verde e a maturazione, estivo-autunnale, con colore variabile dal giallo-verde al rosso. Il frutto vero, derivato dall'accrescimento dell'ovario è in realtà costituito dal torsolo, di consistenza più coriacea rispetto alla polpa. Il pericarpo contiene cinque carpelli disposti come una stella a cinque punte; ogni carpello contiene da uno a tre semi.

Il melo può colpito da varie malattie causate da funghi, tra cui la ticchiolatura del melo, l'oidio, la moniliosi, il cancro delle pomacee e il marciume radicale lanoso

Nella primavera 2021 ho piantato un melo della qualità “Rossa di Cuneo” che si dovrebbe caraterizzare con il colore della buccia rosso intenso vinoso, senza untuosità e rugginosità e polpa color bianco crema, soda, croccante e succosa; si conserva in luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di calore o luce diretta.